Storia del declino italiano secondo Maurizio Sacconi

sacconi

http://www.loccidentale.it/node/121559

Secondo il presidente della Commissione Lavoro del Senato, Maurizio Sacconi, “l’Italia rischia di diventare un Paese diffusamente paralizzato – o quantomeno pesantemente rallentato – dalla paura di agire e di decidere nella dimensione pubblica come in quella privata a causa della imponderabilità del potere giudiziario.”


“Le relazioni istituzionali, commerciali, di lavoro sono irrigidite e rattrappite dal dominio dell’incertezza. E cio’ pesa ancor più sugli investitori esteri, portati a considerare il nostro come un Paese ove tutto può accadere”.
Il senatore del Pdl prova inquadrare il caso Ilva in un contesto storico ed economico più vasto: “Non a caso il declino italiano si e’ prodotto a partire da Tangentopoli per i modi estensivi, mediatici e temporalmente indefiniti con cui si sono svolti i procedimenti giudiziari.
Non si tratta di sottovalutare la necessita’ del principio di legalità ma di volerne la sua effettiva affermazione attraverso criteri certi, tempestivi, sobri. I partiti, il Governo e le organizzazioni sociali della rappresentanza degli imprenditori e dei lavoratori devono responsabilmente affrontare questo nodo se vogliono crescita e lavoro. A meno che la paura…”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...